I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

31 maggio

San Magnus Erlendsson

fu conte delle Isole Orcadi ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica (Isole Orcadi, XI secolo – 16 aprile 1115).
Figlio di Erlendur, conte di Orkney, era imparentato con i re di Norvegia Olaf II di Norvegia e Harald II di Norvegia.
Serviva sotto Magnus III di Norvegia quando cadde in disgrazia durante una campagna vichinga su Anglesey in Galles e fuggì in Scozia. Convertitosi al cristianesimo, regnò sulle Orcadi dal 1108 circa fino al 1115 insieme al cugino Haakon Paulsson, figlio del fratello gemello del padre. Il governo in comune era piuttosto burrascoso e minacciava di portare alla guerra civile. Quando il Giovedì santo Haakon venne a trattare la pace ad Egilsay, portò ingannevolmente forze quattro volte superiori a quelle di Magnus, il quale licenziò i suoi senza farli combattere e rimise il suo destino nelle mani di Haakon e questi lo fece uccidere.
I suoi resti mortali furono inumati prima nella chiesa di Birsay e nel 1136 traslate a Kirkwall, nella Cattedrale di San Magnus, eretta in suo onore dal nipote. Il suo impegno per la pace fra cugini e la sua fede lo accreditarono come martire.
L'11 luglio 1898 papa Leone XIII lo innalzò all'onore degli altari.

Signore, fa' che io sia strumento della tua pace:
dove regna l'odio fa' che io semini l'amore,
dove c'è offesa ci sia il perdono,
dove ci sono tenebre si faccia luce;
dove c'è tristezza subentri la gioia.
O Divino Maestro, fa' che io non cerchi tanto
di essere consolato, quanto di consolare,
di essere compreso quanto di comprendere,
di essere amato quanto di amare:
poiché è donando che noi riceviamo, è
perdonando che siamo perdonati, ed è
morendo che nasciamo alla vita.

San Francesco d'Assisi