I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

Premessa alla seconda edizione del libro

Dalla prima edizione di questo libro, risalente all’ottobre 2011, sono passati oltre cinque anni, un tempo considerevole se rapportato al numero di nuove apparizioni e rivelazioni della Santa Vergine “Sposa della Famiglia” avvenute in questo arco di tempo. Ciò ha reso necessario un notevole ampliamento del testo, ora aggiornato agli ultimi avvenimenti del maggio 2017.
A differenza della prima edizione, i commenti non precedono più i messaggi, a modo di introduzione, ma li seguono, affinché le parole della Vergine abbiano una maggior evidenza anche dal punto di vista grafico. Le riflessioni costituiscono un semplice contributo all’approfondimento dei vari temi, in attesa che l’autorità della Chiesa si pronunci su di essi in maniera autorevole e vincolante.
La successione degli avvenimenti, e dei relativi messaggi, è stata mantenuta in ordine cronologico per facilitare la comprensione di come l’intera vicenda si stia evolvendo.
L’Appendice è stata arricchita con alcuni messaggi riguardanti Giulio che aiutano a comprendere meglio taluni aspetti della sua particolare esperienza spirituale. Inoltre, sempre in Appendice, sono stati inseriti alcuni testi di preghiera dell’Associazione Sposa di Sion che evidenziano il modo in cui queste “rivelazioni particolari” alimentano la la preghiera quotidiana e la spiritualità dei singoli e delle famiglie. L’auspicio è che questa nuova edizione di Vidi scendere la Sposa possa contribuire, almeno in qualche misura o per qualcuno, a sostenere lo sforzo di “nuova evangelizzazione” promosso dalla Chiesa in questo tempo, rafforzare l’unità delle famiglie e promuovere la causa della pace per il Medio Oriente e per il mondo intero.
Un caloroso ringraziamento è rivolto a quanti, con pazienza e dedizione, in diversi modi, hanno contribuito alla buona riuscita di questa nuova edizione.

Lainate, giugno 2017
Angelo ansalone